Home News Kia Ray EV: Citycar Elettrica

Kia Ray EV: Citycar Elettrica

kia rey ev

Presentata in questi giorni la piccola citycar elettrica Kia Ray EV, destinata per il momento al solo mercato coreano. Forme un po’ spartane e molto spigolose, la piccola Kia vuole conquistare il pubblico grazie al suo propulsore elettrico da circa 50 kW in grado di garantire una autonomia di 139 km con un solo ciclo di carica.

Dotata di batterie al litio, la Kia Ray può essere ricarica in sole sei ore, utilizzando una comune presa elettrica, tempo che si riduce notevolmente in caso di presa di corrente dedicata e specifica (la casa coreana ha stimato il tempo di carica in soli 25 minuti).

Dal punto di vista più tecnico la Kia Ray dispone di tre diverse modalità di guida: la prima, definita Drive è quella classica; la seconda, la Eco, presta particolare attenzione alla economicità e alla riduzione dei consumi e delle energie; l’ultima invece, la Brake, è in grado di massimizzare la frenata, specie in occasioni particolari, come una discesa. Compreso nel pacchetto di lancio, la citycar coreana offre un piccolo navigatore, che informa continuamaente il guidatore della autonomia residua del mezzo, segnalando al tempo stesso tutte le destinazioni raggiungibili con quella data autonomia.

Importante innovazione è però quella legata alla sicurezza. Nei mesi scorsi si è sollevato da più parti il dubbio sulla sicurezza delle auto elettriche, in particolare la loro totale assenza di rumorosità: la Kia ha deciso di installare un particolare meccanismo VESS (Virtual Engine Sound System) che mixa una serie di rumori di motori a benzina e che si attiva sotto i 20 km/h. Sempre in ottica sicurezza la Kia monta  di serie ben sei airbag, sistema ESC, Hill Assist e Dynamic Control.

Per il momento la Kia Ray EV sarà commercializzata soltanto in Corea del Sud, dove verrà prodotta inizialmente in soli 2500 esemplari, perlopiù donati alle autorità pubbliche e le agenzie governative.

Autore
Appassionato di auto, eredita dal padre l'attrazione per vetture d'epoca, ma anche per auto sportive e da corsa in generale. Come prima auto guida una Fiat 500 Sporting, a cui seguirà l'acquisto di una Punto Sporting: attualmente ha però cambiato completamente genere, passando ad una vettura alimentata a metano. Laureato in Scienze della Comunicazione, inizia a scrivere per Risparmia-Auto nel 2011, specializzandosi nel tempo su articoli legati a usato, ecologia, assicurazione e modifiche delle normative. Sogna di poter avere un giorno un garage nel quale riporre auto d'epoca, ma anche una supercar sportiva.

Rispondi: